Menu

A Pasqua confeziona il tuo Uovo Paniate!

marzo 26, 2018  |  casa, Cucina, Giochi, Prima infanzia

La scelta dell’uovo come simbolo della festa di Pasqua ha origini molto antiche.
In origine non era di cioccolato e con sorpresa, ma legato a una simbologia che affonda le sue radici nelle tradizioni pagane.

uova di Pasqua colorate

Dalle religioni pagane al Cristianesimo

In queste antiche religioni l’uovo era legato al significato della vita ed alla sacralità della terra: il cielo e la terra erano considerati due emisferi che andavano a creare un unico uovo. All’uovo la mitologia legava un significato di rinascita e di fertilità.

Per gli Egizi l’uovo era il nucleo dei quattro elementi primordiali che creano l’universo; i Persiani, i Greci e i Cinesi lo usavano regalare durante le feste di primavera, mentre gli antichi romani sotterravano un uovo dipinto di rosso nei campi coltivati per propiziarsi la fertilità.

Anche nel Cristianesimo, viene ripresa la simbologia dell’uovo come simbolo della vita e rielaborata nella prospettiva della resurrezione di Cristo. L’uovo che apparentemente sembra privo di vita è assimilato al Santo Sepolcro di pietra. Ciò che sembra morto, però, contiene una nuova vita-la vita eterna.

Quando l’uovo diventò un dono?

uova fabergè

È nel Medioevo che si diffonde la tradizione dell’uovo come regalo pasquale.

In origine le uova destinate alla servitù venivano colorate, bollendole con foglie o fiori: i colori brillanti a rappresentare la primavera e la luce del sole, il rosso scuro come simbolo del sangue di Cristo.

Nello stesso periodo, si avvia la creazione di uova artificiali riservate ai nobili fabbricate o rivestite in metalli preziosi.
Il re d’Inghilterra Edoardo I, per la Pasqua 1290, ne commissionò circa 450 rivestite d’oro.

L’uovo di Pasqua più famoso della storia, lo dobbiamo al maestro orafo Peter Carl Fabergé che, su commissione dello zar Alessandro, creò nel 1883 un uovo speciale per la zarina Maria.
Un uovo di platino smaltato di bianco che conteneva un uovo d’oro, al cui interno si trovavano due doni: una miniatura della corona imperiale e un piccolo pulcino d’oro.
Gli zar ne furono entusiasti ed ordinarono a Fabergé di prepararne una serie da donare tutti gli anni.

Le uova con sorpresa

L'uovo di Pasqua Paniate

Nell’ultimo secolo, l’uovo di Pasqua più diffuso è il classico uovo di cioccolato.
La sua nascita si deve all’idea di due pasticceri, uno francese e uno tedesco, che all’inizio dell’800 crearono delle uova di cioccolato pieno.

Ma è solo grazie alle invenzioni del chimico e cioccolataio olandese Van Houten della prima metà dell’800, se oggi le uova di cioccolato sono vuote all’interno e… possono contenere la sorpresa tanto attesa!
Il primo uovo di cioccolato pasquale vuoto con all’interno una sorpresa si deve all’azienda inglese Cadbury nel 1875. Neanche vent’anni dopo, l’azienda produceva 19 tipi diversi di uova pasquali: la “Cadbury Brothers Easter list”.
Sicuramente l’aggiunta di un piccolo dono, ha accresciuto la diffusione e l’attesa dell’uovo di Pasqua, specialmente tra i più piccoli.

Perché allora non confezionare un uovo di Pasqua personalizzato da donare a chi ci sta più a cuore?

Da Paniate, con una spesa di almeno 29€, l’Uovo Paniate è in regalo e si può riempire con la sorpresa che più si desidera!
Articoli per la prima infanzia, giochi, alimentare (cioccolato, golosoni!) ma anche prodotti per la casa… Possiamo mettere tutto ciò che riusciamo a far stare!
Correte in negozio. Le uova sono già disponibili e pronte per essere riempite con tutto quello che più vi piace!!!